Amici dei Musei di Vicenza

AMICI DEI MONUMENTI, DEI MUSEI

E DEL PAESAGGIO PER LA CITTA'

DI VICENZA E PROVINCIA

seguici su facebook

INDIRIZZO

Via Arzignano 1/7                                                                    

36100 Vicenza

TEL / FAX: 0444/322762

CELL: 345 4682000

mail: info@amicimuseivicenza.it

ORARIO DI APERTURA

Martedì - Giovedì - Venerdì 9.30 / 12.00


in primo piano...


 BUON_NATALE.jpg


10 dicembre ore 10.00 visita guidata dal dott. Giorgio Ceraso al Palazzo Gualdo

gualdi.jpg

Il Palazzo Gualdo, o meglio i Palazzi Gualdo, si trovano dove anticamente sorgeva il teatro romano di Vicenza, nel quartiere allora periferico di Berga.

Le vicende del teatro attraverso i tempi non ce ne consentono ora che una conoscenza frammentaria e lacunosa, se non che fu eretto nella prima metà del I secolo d.C.

Il teatro, divenuto proprietà del Vescovo di Vicenza nell'anno 1001, quando è presumibile che il suo stato di conservazione fosse già molto precario, venne successivamente adibito a carcere nel XIII secolo.

Spoliazioni di pietre e marmi per il riutilizzo edilizio furono certamente inevitabili; il degrado della struttura doveva essere già molto accentuato quando, sulle costruzioni della parte mediana e superiore della cavea, si edificarono numerosi edifici che compaiono ben visibili nella "Mappa Angelica", la pianta di Vicenza del 1580.

Qui appaiono emergenti i due edifici del Palazzo Gualdo e, tra il verde degli orti, si intravedono consistenti ruderi di un muro dalla sommità irregolare con tre archi.

Questi ruderi, forse quelli stessi visitati dal giovane Palladio, vista la loro posizione di chiusura dell'arco della cavea, potrebbero rappresentare le ultime strutture rimaste del Teatro Berga.

Proprio qui, in sindacaria San Michele, i Gualdo si stabilirono a partire dal 1453 e, da un atto del 1502, sappiamo che Giacomo da Porlezza e suo figlio Giovanni avevano costruito "unam fabricam" per il nobiluomo Francesco Gualdo.

 

29 novembre ore 11.30 presso il Palladio Museum CISA, Contrà Porti 11 Vicenza

sarà presentato il volume Scultura nei giardini delle ville venete. Il territorio vicentino

interverranno Fernando Rigon e l'autrice Monica De Vincenti

 STATUARIAweb-180x211.jpg

Il volume – promosso dalla Fondazione Giorgio Cini e dall’Istituto Regionale per le Ville Venete con il sostegno della Fondazione Giuseppe Roi – illustra, attraverso un denso saggio introduttivo a cui segue l’esame di quasi un centinaio di cicli scultorei, uno dei capitoli più ricchi e interessanti ma meno indagati dell’arte veneta: la statuaria da giardino, un genere che trova nel territorio di Vicenza un punto di partenza quasi obbligato poiché soprattutto in quest’area si realizzò l’età d’oro della villa veneta. Qui, inoltre, si trovano le cave delle pietre calcaree con cui venne realizzata la stragrande maggioranza delle opere; e qui, infine, operarono con continuità alcuni degli scultori italiani più importanti, come gli Albanese e, soprattutto, i Marinali. Artisti che, insieme ad altre personalità, anche meno note, emerse dalla ricerca, hanno saputo dar vita ad una ‘galleria’ di straordinaria consistenza quantitativa ed estetica.
La statuaria da giardino ricopre, infatti, un ruolo nient’affatto secondario poiché costituisce quel necessario complemento di Natura manipolata finalizzato al pieno godimento del ‘gentilhuomo’, che contribuisce in modo sostanziale a definire l’inconfondibile organismo spaziale della villa veneta in cui sempre convivono coerenza funzionale e alta qualità estetica. In tale contesto le statue ricoprono il ruolo di ‘semiofori’ capaci d’intrattenere ancora oggi con l’osservatore avveduto un fitto e fruttuoso dialogo. Esse rivelano con una stupefacente ricchezza di esiti formali e di soggetti – al pari degli affreschi che decorano gli interni della villa – i messaggi più diversificati, veicolando la volontà di rappresentazione del privilegio e del rango dei committenti, come pure le vicende concrete della loro vita e i loro interessi culturali, e incarnando la nostalgia per un Eden perduto, fuori dal tempo, come pure l’ideologia del momento. Un patrimonio unico,  purtroppo sempre più gravemente minacciato dalle ingiurie del tempo se non dall’incuria colpevole dell’uomo, che è stato oggetto di una ricerca pluriennale condotta dall’Istituto finalizzata alla realizzazione di un catalogo completo delle opere: l’Atlante della statuaria veneta da giardino consultabile online attraverso i siti della Fondazione Giorgio Cini e dell’Istituto Regionale per le Ville Venete.



29/ 30 novembre 2014

viaggio culturale in collaborazione con il Fai di Vicenza a PRATO e Poggio a Caiano “Mostra d’Arte della Banca Popolare di Vicenza”

primo giorno visita a Palazzo degli Alberti, storico complesso gentilizio situato nel centro della città, sede  della Banca Popolare di Vicenza. L'istituto bancario ha collocato e aperto al pubblico la sua notevole raccolta d'arte. Visita del centro storico e del Museo del Tessuto.

 

secondo giorno visita con guida alla Villa Medicea a Poggio a Caiano, il miglior esempio di architettura commissionata da Lorenzo il Magnifico. Successivamente visita al museo della Natura Morta.

Per info e costi rivolgersi alla segreteria.


12 novembre alle ore 16.00

Aula francescana del chiostro di San Lorenzo

presentazione del volume di Andrea Savio e Luca Trevisan: "Vittorio Lombardi. Mecenate illuminato e tesoriere della conquista italiana del K2"

Programma

Presentazione del libro Vittorio Lombardi mecenate illuminato e tesoriere della conquista italiana del K2, di Andrea Savio e Luca Trevisan (Cierre edizioni, Sommacampagna 2014).

Saluto

Giovanni Beato (Presidente Sezione Cai di Montecchio Maggiore)

Renato Frigo (Sezione Cai Montecchio Maggiore)

Introduzione

Luciano Chilese (Coordinatore Culturale Sezione Cai di Montecchio Maggiore)


Vittorio Lombardi: il tesoriere del K2

Andrea Savio (Università di Padova)

Il mecenatismo illuminato di Vittorio Lombardi: la rinascita di villa Cordellina

Luca Trevisan (Università di Verona)


Ricordiamo il prossimo evento organizzato dall’Associazione

8 novembre

Visita culturale a LONIGO

villapisanibonetti_home.jpgore 9.30

Villa Pisani – visita guidata dal dott. Luca Trevisan

Accoglienza da parte dei proprietari, Manuela Bedeschi e il marito Carlo Bedeschi, che ringraziamo per la loro cortese ospitalità .

La villa è la prima residenza di campagna progettata da Andrea Palladio per una famiglia di patrizi, i Pisani. È stata di recente oggetto di un meticoloso restauro ed è sede oggi di un’importante quanto attiva fondazione per l’Arte Contemporanea, promossa da Manuela Bedeschi, affermata artista specializzata in istallazioni luminose.

Sarà possibile visitare la mostra temporanea ospitata all’interno: “NICOLA CARRINO ARCANGELO SASSOLINO”

 

 

Villa_Pisani.jpgore 11.15

Rocca Pisana – visita guidata dal dott. Giorgio Ceraso

Opera grandiosa di Scamozzi che si pone nel periodo iniziale della sua attività ma già testimonia in pieno le sue capacità tecniche e formali ed è una tra le più belle realizzazioni di tutta la sua produzione. Essa si erge sulla collina dominandola con l'austera purezza dei suoi volumi, realizzando una ideale composizione geometrica. La villa è visibile da grande distanza e si caratterizza per una struttura quadrata sormontata da una cupola ottagonale.

 

 

 

PARTENZA:

ORE: 8.30 da viale Roma

RIENTRO:

12.30 ca.

Per info e costi contattare la segreteria


Settembre con Veronese...

In occasione della grande mostra su Paolo Veronese che si tiene quest’anno a Verona, l’Associazione propone uno studio approfondito sull’artista attraverso conferenze, visite di studio e itinerari artistici:

12 settembre

Visita del "Gruppo Giovani" alla mostra "Paolo Veronese. L'illusione della realtà" alla Gran Guardia di Verona

19 settembre ore 16.00

visita guidata dal direttore dott. Guido Beltramini alla mostra "Quattro Veronese venuti da lontano. Le Allegorie ritrovate” al Palladio Museum di Vicenza

23 settembre ore 17.30

Conferenza: "Paolo Veronese pittore sapiente” dott.ssa Alessandra Zamperini presso l'Aula Francescana del chiostro di San Lorenzo a Vicenza

26 settembre ore 9.00 da via Roma, 9.10 da autostrada Vi-Ovest

itinerario veronesiano

visita guidata alla mostra "Paolo Veronese. L’illusione della realtà” alla Gran Guardia di Verona

visita alla chiesa di San Giorgio in Braida e di San Paolo in Campo Marzio all'Isolo


Associazione degli amici dei monumenti, dei musei e del paesaggio per la città di Vicenza e provincia di Vicenza

via Arzignano, 1/7 - 36100 Vicenza - Tel./Fax: 0444322762 - Email: info@amicimuseivicenza.it

C.F.: 02263780245 - C/C postale: 18516369